Blog

Un assaggio dell’intervento di…

Luca Scarlini - “Il movimento della storia: la letteratura rivelata in palcoscenico”

Il libro è un contenitore di segreti e di tesori, di avventure e misteri, ma la forma volume che ci ha regalato l’era cristiana, dalle antiche opere in pergamena alla dimensione della lettura digitale, non necessariamente seduce le giovani generazioni.


Eppure nelle tanto viste e acclamate serie televisive di produzione americana sono proprio i grandi romanzi del passato ad alimentare nuove vicende, così come le playstation spesso giocano con la Storia e la fiction nel proporre personaggi, come Caterina Sforza, che senz’altro gli utenti dei giochi di violenza e strategia di Assassin’s Creed non hanno mai sentito nominare.


In questo contesto, il teatro può avere un ruolo speciale. In Italia questa attività, a differenza di molti altri paesi, non è nel curriculum scolastico, ma le attività possibili sono molteplici. La parola dinamica, tridimensionale, agita e permette la comunicazione con testi altrimenti percepiti come lontani, distanti o perfino nemici. Quando le storie sono messe in circolo allora tutto torna immediatamente fruibile.


Nel corso di molti anni di esperienze tra Belgio, Italia e Regno Unito, chi scrive ha affrontato in forma di musical istantaneo, come micropièce da inventare nello spazio di una giornata (nel tempo di brevi workshop), il Decameron, la Divina Commedia¸ varie opere shakespeariane e I promessi sposi, trovando sempre lo stesso tipo di risposta: una iniziale forma di diffidenza a una ampia partecipazione.
 

Scopri di più!