Il nuovo Sarò Chef

UNA NUOVA EDIZIONE: COSA C’È DI DIVERSO?

  • Il progetto grafico ha pagine più chiare e studiabili e maggior spazio per le immagini che illustrano procedimenti e fasi di preparazione.
  • Una rinnovata attenzione al metodo: le competenze si sviluppano a partire dalle mappe in apertura di unità fino alle sintesi, scandite da domande e accompagnate da un’audiosintesi.
  • Ogni unità è chiusa da un compito di realtà, che rappresenta il modo più significativo di mettere alla prova le competenze acquisite.
  • Nella convinzione che la metodologia CLIL debba essere integrata alla pratica didattica quotidiana, i termini che indicano gli strumenti utilizzati sono tradotti in inglese, francese, spagnolo e tedesco e sono riuniti in un glossario multilingue alla fine del volume.

SLOW FOOD SI FA IN TRE

Per avvicinare gli studenti alla filosofia del “buono, giusto e pulito”:

  • Slow Food presenta… alcuni dei maggiori professionisti italiani e stranieri perché siano modelli e fonti di ispirazione;
  • Slow Food insegna… a riconoscere le problematiche legate alla salvaguardia e alla valorizzazione del territorio, dei prodotti tipici o delle abitudini alimentari;
  • Slow Food spiega le Buone pratiche per avere un comportamento in linea con i princìpi del manifesto dell’associazione. 

IL RICETTARIO: UNO STRUMENTO FONDAMENTALE PER METTERSI ALLA PROVA

Piattoforte firma il ricettario, con ricette completamente nuove e di facile lettura: sono messi in evidenza gli ingredienti, i tempi di preparazione e di cottura e la difficoltà.

  • Ogni ricetta è tipica di una regione italiana, per permettere di apprezzare la varietà gastronomica del nostro Paese, da Nord a Sud. E una ricetta per categoria è internazionale!
  • Una serie di importanti informazioni corredano le ricette: la presenza di allergeni, gli abbinamenti con i vini, il profilo nutrizionale.