SAVE ART - FIRENZE



L’arte è sempre stata insofferente ai confini, alle restrizioni, alle chiusure. Artisti, idee, opere d’arte hanno sempre viaggiato, gli scambi sono sempre stati nutrimento per nuovi linguaggi, e le stesse cosiddette “scuole nazionali” spesso sono state invece frutto di virtuose ibridazioni. L’arte che più abbiamo sotto gli occhi, e attorno a noi, l’arte europea, da sempre, è un esempio virtuoso di questa libertà creativa

A cura di “Art e Dossier”
In collaborazione con Giunti TVP editori
Organizzato nell'ambito di tourismA 2019 – Salone archeologia e turismo culturale
L’evento è rivolto prevalentemente ai docenti di arte delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

I posti riservati per i non docenti sono 200.

Venerdì 22 febbraio
Firenze Palazzo dei Congressi
Auditorium 9:00 - 13:15

    A cura di “Art e Dossier”, in collaborazione con Giunti T.V.P. editori

    Introduce Piero Pruneti direttore Archeologia Viva
    Coordina Claudio Pescio direttore editoriale Art e Dossier

    9:30
    Eike D. Schmidt direttore Gallerie degli Uffizi
    Arte ed Europa: una lingua comune

    10:00
    Emmanuel Anati direttore Centro Camuno Studi Preistorici
    Alle origini dell’arte

    10:30
    Pausa

    11:30
    Antonio Paolucci storico dell’arte
    Uffizi una via aerea sopra Firenze

    12:00
    Erminia Sciacchitano Chief Scientific Advisor of the European Year of Cultural Heritage 2018, Commissione Europea
    Anno del patrimonio culturale: la dimensione europea

    12:30
    Philippe Daverio critico d’arte, direttore scientifico di Art e Dossier
    Arte a prova di continente

    L’evento è rivolto prevalentemente ai docenti di arte nelle scuole secondarie di I e II grado.

    Alle altre categorie di pubblico sono comunque riservati 200 posti in sala.

    Iscrizione obbligatoria per i docenti.
    La partecipazione al convegno è completamente gratuita e verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.
    È previsto l’esonero dal servizio.

    Giunti Scuola è accreditato dal MIUR come ente formatore del personale della scuola (DM 170/2016)

    Segreteria organizzativa
    Tel. 055 5062070 fax 055 5062305
    e-mail: gtvpsegreteria@giunti.it

    Sede convegno
    Palazzo dei Congressi, Piazza Adua 1, 50123 Firenze. www.firenzefiera.it

    SAVE ART è organizzato nell'ambito di tourismA 2019 – Salone archeologia e turismo culturale
    Gli iscritti possono usufruire delle convenzioni con gli hotel stupilate in occasione della manifestazione, consultabili qui:
    http://www.tourisma.it/hotel-convenzionati/

    Come arrivare
    Il Palazzo dei Congressi ed il Palazzo degli Affari si trovano in posizione centrale, di fronte alla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella.
    È possibile raggiungere la sede in aereo, treno, auto, e mezzi pubblici.

    Aereo
    Aeroporto di Firenze A. Vespucci (collegato con le maggiori città europee) CODICE IATA: FLR www.aeroporto.firenze.it
    Si trova a 4 km dal centro di Firenze e si raggiunge con servizio di taxi (20 minuti circa) o con il servizio Vola in bus di collegamento fra l'aeroporto e la Stazione di Santa Maria Novella, gestito in pool da ATAF e Sita. Per informazioni "Pronto Ataf", tel. 800 424500 (chiamata gratuita dall'Italia).
    Aeroporto di Pisa G. Galilei (collegato con le maggiori città europee) CODICE IATA: PSA www.pisa-airport.it
    Si trova a 60 km da Firenze ed è raggiungibile (in un'ora) dalla Stazione di Santa Maria Novella: tre treni l'ora per Pisa C.le e collegamenti navetta tra Pisa C.le e Pisa Aeroporto dalle ore 06.00 alle ore 22.00.

    Treno
    La città di Firenze è raggiungibile in treno da qualunque stazione del Paese. Per informazioni sugli orari www.trenitalia.it

    Auto
    Il Palazzo dei Congressi e il Palazzo degli Affari distano solo 4 km dalla principale autostrada nazionale (A1: Autostrada del sole - Casello Firenze Nord). Due ampi parcheggi per 600 e 800 posti auto sono disponibili a soli 100 metri.

    Trasporti pubblici
    Fermata Fortezza, linea T1, Tramvia

    LE ISCRIZIONI SONO CHIUSE

    Sarà comunque possibile iscriversi in loco

    L’arte è sempre stata insofferente ai confini, alle restrizioni, alle chiusure. Artisti, idee, opere d’arte hanno sempre viaggiato, gli scambi sono sempre stati nutrimento per nuovi linguaggi, e le stesse cosiddette “scuole nazionali” spesso sono state invece frutto di virtuose ibridazioni. L’arte che più abbiamo sotto gli occhi, e attorno a noi, l’arte europea, da sempre, è un esempio virtuoso di questa libertà creativa

    A cura di “Art e Dossier”
    In collaborazione con Giunti TVP editori
    Organizzato nell'ambito di tourismA 2019 – Salone archeologia e turismo culturale
    L’evento è rivolto prevalentemente ai docenti di arte delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

    I posti riservati per i non docenti sono 200.

    Venerdì 22 febbraio
    Firenze Palazzo dei Congressi
    Auditorium 9:00 - 13:15