Geo Touring

Geo Touring pone i ragazzi al centro del processo di apprendimento, a partire dai primi giorni di scuola.

Il fascicolo Benvenuti in prima! accoglie i ragazzi al loro ingresso nella scuola secondaria; si pone in forte continuità con la scuola primaria, proponendo un approccio graduale allo studio della geografia. Attraverso proposte operative ben calibrate che possono fungere da prove d'ingresso centrate sul saper fare, aiuta i ragazzi a ripercorrere quanto hanno già imparato, a recuperare e sistematizzare le loro conoscenze per iniziare senza strappi il percorso di apprendimento.
In particolare, il laboratorio “Gli strumenti per viaggiare” insegna a progettare un viaggio a partire dall'uso dell'atlante, consentendo così di mettere in gioco le conoscenze e le abilità apprese per risolvere problemi in un contesto diverso. Si tratta di un primo passo verso la costruzione delle competenze, cifra di tutto il corso.

Un approccio metodologico nuovo che muove dall’esperienza alla costruzione dei concetti e sviluppa la capacità di osservare il paesaggio geografico, di imparare a descrivere, analizzare e porsi domande per “leggere” e comprendere la realtà geografica in tutta la sua complessità, cogliendo i rapporti tra i fenomeni e imparando a problematizzare.

Gli indicatori di metodo espliciti aiutano a capire qual è l'operazione che si sta compiendo per aiutare i ragazzi nell’organizzare gli apprendimenti entro una mappa cognitiva chiara.
L’acquisizione dei concetti e dei termini specifici della disciplina avviene attraverso il concorso di testo e immagini (fotografie, immagini da satellite, disegni e carte).
L'atlante integrato rende la consultazione delle carte e delle immagini immediata e funzionale: il mondo a portata di mano!
Una cartografia d'eccellenza, costruita su misura per questo corso, con carte geografiche coerenti al testo.

Geo Touring dedica ampio spazio all'operatività e propone un apparato didattico organico e integrato al testo, centrato sullo sviluppo delle abilità.
Le attività vedono il continuo coinvolgimento dei ragazzi, che vengono guidati a imparare a leggere e a confrontare immagini, carte, dati e grafici, a “fare il punto” di ciò che sanno e di ciò che sanno fare per giungere a padroneggiare il codice della disciplina nell’ottica dell’operare per conoscere e comprendere.
Ogni unità si chiude con una verifica conclusiva, inerente il sapere e il saper fare, che si presta alla verifica collettiva in classe o all'autoverifica: un’occasione per riapplicare quanto appreso e per estendere conoscenze e abilità acquisite per una costruzione autonoma e personale del sapere (verso le competenze).
Grandi immagini invitano a “immergersi nel paesaggio”, anche attraverso la via della bellezza e dell’emozione, per accrescere la capacità di un’osservazione attenta ai segni distintivi di una cultura. Le diverse regioni italiane, europee e extraeuropee sono proposte come tappe di un grande e appassionante itinerario di viaggio intorno al mondo.
La lettura dei paesaggi e dei territori mette continuamente in luce i beni ambientali e culturali presenti, richiamando la necessità della loro valorizzazione e tutela.
Sono così attivate le potenzialità interdisciplinari della geografia e le opportunità che offre per stimolare la costruzione della cittadinanza attiva, in un'ottica di educazione al territorio e all'ambiente.
Inoltre il Dossier GeoVerde propone un momento di riflessione e di sintesi sulle criticità con cui occorre confrontarsi per vincere la sfida della sostenibilità.