Blog

Il Futurismo: un’avanguardia europea
Fortunato Depero, Rotazione di ballerina e pappagalli (1918). Fonte immagine: www.arte.it

Perché e in che senso il Futurismo può essere definito un’avanguardia europea? Giuseppe Iannaccone, autore con Roberto Carnero del corso Al cuore della letteratura, ne parlerà il 21 marzo in un webinar gratuito, dedicato a tutti gli insegnanti. In attesa dell'incontro, apriamo un piccolo percorso didattico in classe. Sottolineiamo per cominciare i caratteri di un’avanguardia e le caratteristiche dei manifesti futuristi. Raccogliamo il 21 marzo le suggestioni dall’intervento di Giuseppe Iannaccone per proporre un affondo che attivi le competenze storiche, artistiche e culturali degli studenti, in prospettiva transdisciplinare.

Idee per cominciare

Febbraio 1909: Filippo Tommaso Marinetti pubblica il Manifesto del Futurismo. Da questa data (e dalle prestigiose colonne del quotidiano francese “Le Figaro” che ospita il testo di Marinetti in prima pagina) dilaga in tutto il mondo un movimento che esibisce una vocazione internazionalista e mira a trasformare l’immaginario della contemporaneità, fornendo spunti a poeti, pittori, scultori, musicisti, danzatori. Il costruttivista Karel Teige dirà nel 1929: “Non si può negare a Marinetti di essere stato il promotore della moderna attività di massa […] prima della Prima Guerra Mondiale il Futurismo ha irradiato la sua energia in tutto il globo”.
In effetti, il Futurismo riesce a mettere in evidenza tutti i caratteri principali delle avanguardie storiche: la tendenza collettiva, la pulsione al coinvolgimento di tutte le arti e allo sconfinamento tra le arti, un obiettivo di intervento sulla realtà, dunque “politico”, l’importanza attribuita alla tecnica a scapito della soggettività dell’artista (è una panoramica di Francesco Muzzioli, Il  Futurismo e la nozione di avanguardia, in Futurismo e letteratura, numero monografico di “L’Illuminista”, n. 27, settembre-dicembre 2009, pp. 139-163). Non sempre gli intenti teorici, enunciati nei manifesti, si tradussero con efficacia in opere di valore: un limite che si coglie soprattutto nella produzione letteraria. Tuttavia i meriti storici e culturali del futurismo sono innegabili, a partire dall'aver sprovincializzato e rinnovato la cultura italiana, rompendo i confini della letteratura per coinvolgere in un progetto globale tutte le espressioni della creatività umana: le arti figurative, l’architettura, il cinema, il teatro, il design, la moda.

Testi per approfondire

La vocazione a coinvolgere e anche a mescolare le arti propria del Futurismo emerge con chiarezza dai manifesti del movimento. In tutti e in ciascuno, si vogliono superare i limiti, le graduatorie e le specializzazioni tra le arti. Per tutti e per ciascuno, si desidera una diffusione capillare, presso ogni strato della società. Per ottenere questo obiettivo, si utilizzano strumenti comunicativi di grande modernità, che anticipano le strategie di promozione pubblicitaria dei nostri giorni: tecniche tipografiche avanzate, la provocazione, lo spiazzamento, l’attenzione vivacissima ai titoli e agli oggetti che possono attirare l’attenzione tanto del lettore dotto quanto di quello meno avvertito (dal chiaro di luna alla pastasciutta).

enlightenedT.F. Marinetti, I manifesti del futurismo (risorsa libera da opengiuntitvp) e enlightenedG. Iannaccone, R. Carnero, Al cuore della letteratura, vol. VI, pp. 370-374.

Una lezione per attivare le competenze: il futurismo come avanguardia europea

Il 21 marzo, dalle 17.00 alle 18.00, Giuseppe Iannaccone, studioso, critico letterario, docente di Lingua e letteratura italiana presso il Liceo Classico Statale “Francesco Vivona” di Roma e autore, assieme a Roberto Carnero, del nuovo corso di letteratura di Giunti T.V.P., accompagnerà tutti gli insegnanti in un percorso didattico gratuito sul Futurismo, esaminandone gli obiettivi, l'ideologia, la poetica e la produzione nei diversi campi della creatività, secondo una prospettiva interdisciplinare. In particolare, attraverso testi, immagini, riferimenti, Giuseppe Iannaccone metterà in luce come il Futurismo ha modificato il modo di intendere l'arte e il rapporto tra essa e la società promuovendo con aggressività un linguaggio, un'estetica, una simbologia destinate a influenzare le correnti di rinnovamento più avanzate della cultura internazionale novecentesca.

  enlightenedIscriviti al webinar e porta la tua classe "al cuore…" del futurismo: un'avanguardia europea!