Blog

La falsa morte di un poeta promettente

Cronache dal passato è la rubrica del corso "Al cuore della letteratura" contenente racconti e aneddoti di taglio giornalistico per situare l’autore nel suo contesto con vivacità. Nell'esempio che vi presentiamo, Gabriele d'Annunzio anticipa una trovata promozionale che verrà ripresa spesso nel marketing moderno. 

Il successo ottenuto nel 1879 dal primo volume di liriche, Primo vere, ha fatto di d’Annunzio l’esordiente più ammirato d’Italia. Ora, però, a distanza di un anno, come ammoniscono le regole dello spettacolo, viene il difficile: non deludere le attese del pubblico. Il poeta lavora «con ferro e fuoco» alla revisione della raccolta, eliminando alcune poesie e aggiungendone altre.

Il rischio, di cui è perfettamente consapevole, è quello di passare inosservato, ma la promozione di sé stesso fa già parte delle armi a disposizione del d’Annunzio diciassettenne. Da vero precursore dei meccanismi del marketing, egli escogita un’abile trovata per preparare il terreno alla sua nuova pubblicazione.

Il 13 novembre del 1880 sulla “Gazzetta della Domenica” di Firenze compare un trafiletto, che commuove l’Italia:

«Gabriele d’Annunzio, il giovane poeta già noto nella repubblica delle lettere, di cui si è parlato spesso nel nostro giornale, giorni addietro (5 novembre) sulla strada di Francavilla, cadendo da cavallo per improvviso mancamento di forze, restò morto sul colpo. Fra giorni doveva uscire la nuova edizione del suo Primo vere...».

 

La notizia rimbalza dappertutto e le maggiori testate letterarie italiane piangono «quest’ultimogenito delle Muse», «gioia dei suoi genitori amore dei compagni, orgoglio dei maestri». Si tratta di lacrime inutili. Il poeta, infatti, firmandosi con il nome fasullo di G. Rutini, aveva fornito egli stesso con una cartolina la notizia della propria morte.

Mentre giungono da ogni parte a Pescara condoglianze sbigottite e decine di struggenti necrologi compaiono sulla stampa, d’Annunzio ricompare, come se nulla fosse successo, vivo e vegeto, qualche giorno dopo l’uscita della seconda edizione di Primo vere, che naturalmente, sull’onda dell’emozione, aveva riscosso un immediato successo. Il colpo da maestro della pubblicità è riuscito perfettamente.