I BES: come e cosa fare

La Guida intende fornire a docenti e dirigenti scolastici una lettura ragionata della vigente normativa sui Bisogni Educativi Speciali (BES) e sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), con indicazioni operative ed esempi di “buone pratiche” contestualizzate per livelli di scolarità (dalla scuola dell’infanzia, alla primaria, alla secondaria di primo grado).

Offre esemplificazioni di buone procedure relativamente a “temi caldi” quali:

-  l’identificazione precoce delle difficoltà e la
   certificazione;
-  l’utilizzo degli strumenti compensativi e delle
   misure dispensative;
-  la stesura e l’applicazione di un PDP;
-  la progettazione individualizzata (dai bisogni
   alla didattica inclusiva);
-  le relazioni (con la Sanità, il territorio, le reti di
   scuole, le famiglie).

Il volume si articola in due sezioni:

1. la prima inquadra la tematica e permette di conoscere le novità contenute nelle disposizioni ministeriali e le ricadute che queste hanno in ambito didattico e nella gestione degli allievi e della classe;

2. la seconda sezione contestualizza le difficoltà che maggiormente si incontrano nelle classi italiane, presentando esempi e casi di allievi con Bisogni Educativi Speciali, e descrive alcune strategie e modalità di intervento efficaci. 

ERRATA CORRIGE

Per errore nella tabella di p. 79 è riportato che per gli alunni con svantaggio socioeconomico, linguistico e culturale sono ammessi gli strumenti compensativi o altre misure in sede di Prove Invalsi, mentre non è così. In attesa di correggere in ristampa, vi forniamo la tabella corretta.
Ce ne scusiamo con gli autori e i lettori.

Scarica la tabella corretta!